HO UNA SPERANZA


È quella di pensare che chi ha la responsabilità del sistema finanziario nella UE sia un criminale. Si, perché in questo caso c’è sempre la speranza che si penta sulla via di Damasco e colto da senso di colpa, si rimetta sulla diritta via.
Viceversa l’alternativa è quella della demenza ed in questo caso non ci sono speranze: l’idiozia è irreversibile.
Quale sia la linea divisoria tra le due posizioni è difficile marcarla, il settore è un’arma, se vi fosse bisogno di sottolinearlo, che consente di raggiungere molteplici obbiettivi. Analizziamo uno dei più semplici: complicare le cose produce stress e lo stress abbrevia la vita, di chi? Innanzitutto degli anziani, con il raggiungimento dell’obbiettivo di ridurre la popolazione mondiale: quella più anziana maggiormente soggetta ad ansia.
Ultimamente ho provato a cambiare banca perché quella che utilizzavo era molto decaduta nella qualità dei servizi, ma dopo un peregrinare di alcune settimane, in cui opto per una on line, mi sono convinto dopo solo un mese a ritornare dove stavo.
Piatto ricco mi ci ficco, come dicono i giocatori di poker e in questo caso il piatto si chiama signoraggio bancario: la speculazione che fanno le banche nelle percentuali a loro dovute per la faticosa attività della stampa della moneta. Solo quello dovrebbe garantire la copertura di tutte le spese delle istituzioni europee, ma anche un buon utile da ripartire tra i soci (le banche).
Come universalmente noto, queste sono enti benefici disposti a condividere con i comuni mortali i loro proventi e c’è chi ne ha approfittato citando in giudizio la Banca d’Italia. Sono troppo basito dal caso che per averne cognizione, vi rimando al link da cui ho appreso la possibilità di ricevere tale regalo
https://www.altalex.com/documents/news/2008/01/18/signoraggio-monetario-e-sindacato-giurisdizionale

09 luglio 2023 Enrico Masucci

Aggiungi un commento

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto