IGNAVI

Tempo fa, mi confrontavo con un vecchio amico, anche lui seguace del blog e lui stesso autore degli articoli sulla musica (Tonino) e gli ponevo la domanda del perchè, pur avendo circa 300 followers, i commenti erano molto scarsi. Lui si è proposto di scrivere un articolo in merito e mi ha mandato queste poche righe: “Ignavi è il termine attribuito alla categoria dei peccatori incontrati nel regno dell’oltretomba all’interno della Divina Commedia. Essi sono aspramente descritti nel Canto III dell’Inferno.
Secondo la treccani: agg. e s. m. (f. -a) [dal lat. ignavus, comp. di in-2 e gnavus, forma ant. di navus «attivo, diligente»]. – Pigro, indolente nell’operare per mancanza di volontà attiva e di forza spirituale. Come sost.: è un i., sono degli i.; in partic., gli i., nome con cui sono designate dai commentatori della Divina Commedia «l’anime triste di coloro Che visser senza infamia e senza lode», che Dante colloca nel vestibolo dell’inferno.”
Considero questo mio amico nelle piene facoltà di intendere e di volere, ma lì per lì non sono riuscito a cogliere il collegamento con la mia domanda, per cui l’ho incalzato perchè esponesse in modo più semplice il concetto e lui lo ha sintetizzato con il termine pigrizia, la stessa che ci porta ad abbracciare le opinioni comuni pur di non faticare a ragionare e in tal modo accondiscende il potere nel manovrarci.
Intendiamoci, questa impostazione mentale è favorita dalla Società che togliendoci tempo libero, impedisce di meditare e di conseguenza ragionare con la nostra testa, favorendo il pensiero gestito dai portavoce del potere. Ma è tutta questione di abitudine, impariamo a estrapolare le notizie ed a ripulirle dei commenti dei giornalisti, coordiniamole con le altre dello stesso argomento (tipo: chi ha scelto questo prodotto ha guardato anche questi altri) e vedrete che le conclusioni saranno diverse; sbagliate? forse, ma almeno saranno le nostre e faremo sempre in tempo a modificarle.

5 aprile 2023 Enrico Masucci

7 Commentì

  • Condivido pienamente…..io ho sempre combattuto per non uniformarmi alla massa,oggi lo faccio solo parlandone con i miei figli che oggi sono attivisti ognuno a modo loro.
    MIO PADRE DICEVA L’ESEMPIO E’ LA PIÙ GRANDE FORMA DI INSEGNAMENTO E DI AUTORITÀ

  • Lucia sono d’accordo sull’insegnamento da dare ai figli attraverso l’esempio, che solo il genitore può dare.
    L’autorità secondo me vale fino ad una certa età, poi diventa più formativa l’autorevolezza.
    Siamo in sintonia…. alla faccia dell’ignavia.

  • L’ autorita’ discende dall’autorevolezza. Rispetto a cio’ e agli esempi mi viene in mente un verso di Foscolo “Dei Sepolcri” – a egregie cose cose il forte animo accendono l’urne de’ forti”.

    • Allora devo dire che, alla faccia dell’ignavia da me sbandierata qualche giorno fa, perché avevo notato poco interesse nell’intervenire all’interno del blog by Masucci, siamo arrivati ad affermare ( leggi l’intervento di Anonimo) che le anime di certi illustri morti stimolano il popolo animoso ad intraprendere imprese nobili. Do ragione ad Anonimo in quanto questo tipo di cultura, da anni dimenticata, dovrebbe essere introdotta nelle scuole magari attraverso una materia che rappresenti per alcuni versi la vecchia ( vecchia come me… sigh…) Educazione Civica. Grazie.
      P. S. Se lo ritrovo lo pubblico qui sopra un mio vecchio libro di appunto Educazione Civica in cui pensieri come quelli enunciati nei Sepolcri vi si ritrovano tra le righe.

By emasucci

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto