Il Papa Nero

Un gruppo così permeato di religiosità non può che lavorare per il bene dell’umanità, chi può metterlo in dubbio? È giusto che decidano in piena autonomia sul futuro del genere umano. Ma siccome c’è sempre qualche malpensante che vuole gettare fango anche su questo, ecco che tira fuori il “curriculum” dei gesuiti e vuole dimostrare che i reali direttori d’orchestra siano proprio loro, se non altro per meriti alla carriera.

Abbiamo visto nella puntata precedente un accenno delle loro interf…..pardon interventi illuminanti per ricondurre il mondo sulla retta via; ma sono curioso di vedere la loro storia, anche se l’oscurantismo sulle loro gesta è pari a quella del Bilderberg.

L’ordine, come anticipato, fu costituito nel 1534 da Ignazio da Loyola che lo mise al servizio del papa. Dato che qualche comportamento non era molto ortodosso, risulta che furono espulsi da circa 30 nazioni, nel 1773 Clemente XIV lo sciolse. Come i cattivi virus si modificano, escogitarono come sopravvivere sotto la protezione di Caterina II di Russia, in attesa che, fatti due conti di convenienza, nel 1814 Pio VII lo risollevò dalle ceneri e gli disse di andare e produrre, non so se in spiritualità od altro.

Che l’attività di questi uomini pii sia alquanto ambigua è fuor di dubbio, i loro principi furono ripresi, pari pari da Himmler: l’obbedienza assoluta, se necessario distruggere per ricostruire; In definitiva furono i veri sostenitori de “il fine giustifica i mezzi”: si, perché in nome di Dio si può commettere qualunque delitto, purché si “salvi il mondo”.

Secondo l’ex vescovo del Guatemala Gerard Bouffard, il vaticano è il controllore spirituale degli illuminati ed i gesuiti controllano le gerarchie ecclesiastiche e le loro finanze. Bouffard ha poi confermato altre accuse lanciate da un altro ex prelato che aveva il compito di smistare la posta tra il vaticano ed il papa (a proposito, l’attuale papa argentino Bergoglio viene dai gesuiti e qualcuno lo accusa di collaborazionismo con il dittatore Videla), Alberto Rivera che “più saliva nella gerarchia vaticana e maggiore era la consapevolezza della corruzione che si annidava al suo interno”. Scrisse anche qualche articolo su questo, ma purtroppo morì “prematuramente” a 61 anni nel 1997, ufficialmente per cancro al colon, ma qualcuno insinua che le cause furono altre…. Devo comunque dire che da quanto letto su di lui, era un personaggio controverso che non seppe dimostrare le sue accuse.

Di fatti che comunque vedono coinvolti i gesuiti ce ne sono molti, anche se non suffragati da prove ma da elementi certi precisi e concordanti quali l’assassinio di Abramo Lincoln il cui esecutore fu tal John Surrat, guardia papale che si rifugiò subito dopo in vaticano.

Altri episodi come questo? La congiura di san Bartolomeo in cui furono massacrati gli ugonotti nel 1572; oppure la “ragazzata”, suffragata da un centinaio di testimonianze, di padre Renato Poblete che, tra il 1960 ed il 2008, ha violentato 22 donne di cui 4 minorenni, confermate dallo stesso ordine religioso che ha chiesto perdono perché il confratello si era fatto scopr….aveva commesso abusi; papa Luciani nel discorso di insediamento disse che avrebbe combattuto la massoneria, poverino è morto dopo solo un mese di pontificato per “cause naturali”.

Segnalazione: anche Biden “vanta” queste radici

In questo contesto ogni illazione è possibile, salvo verificarne l’aderenza alla realtà, pongo alla vostra attenzione un paio di siti di cui non capisco quanta fantasia e quanta realtà ci sia:

http://mondos-porco.blogspot.com/2014/12/gesuiti-i-veri-padroni-del-mondo.html

http://imposturecattolicesimo.blogspot.com/2013/03/lordine-dei-gesuiti-ed-il-papa-nero.html#.X_uXyuhKhhE

ogni riferimento a fatti o persone è puramente casuale……. forse

Aggiungi un commento

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto