LA RETE DEI GASDOTTI DELL’EUROPA ALLARGATA

Uno degli aspetti maggiormente saliti alle cronache a causa dell’attuale guerra in Ucraina è la dipendenza che l’Unione Europea ha nei confronti delle esportazioni di Gas Naturale dalla Russia: nell’ultimo secolo lo sfruttamento del Gas Naturale come combustibile per “generare” energia è aumentato a dismisura, e, di pari passo, gli Stati Europei, Nord-Africani e del Medio Oriente hanno implementato una enorme rete di gasdotti atta a trasportare questa risorsa dai giacimenti ai consumatori.
I tre maggiori giacimenti di Gas Naturale per riserve sono: il giacimento di South Parse/North Dome, situato nel Golfo Persico e sfruttato da Iran e Qatar, e i giacimenti di Urengoy e di Yamburg, entrambi situati in Russia nella regione della Siberia Occidentale. La relativa stabilità politica della seconda metà del XX secolo in Europa ha dato modo alle grandi aziende estrattrici e di trasporto di investire nella realizzazione di impianti di trasporto del Gas lunghi migliaia di chilometri: è in questi anni che hanno visto la luce i gasdotti sovietici che hanno permesso il trasporto del gas in direzione Siberia -> Europa, dando un impulso determinante all’espansione della rete; in seguito sono infatti anche sfruttati giacimenti situati nel Mare del Nord (da parte di Gran Bretagna e Norvegia), nell’Adriatico (dall’Italia, adesso bloccati), nel Mediterraneo intorno a Cipro (da Egitto, Israele e Turchia) e presso i confini settentrionali del Sahara in Libia e Algeria. Di recente è stato individuato un nuovo giacimento nel Mediterraneo situato ad Ovest della Sardegna, non è ancora operativo e il dibattito politico su quale Stato abbia il diritto di estrarre è ancora in corso.
21 giugno 2022 Francesco Latini

Aggiungi un commento

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto