NELLA MENTE DI UN NASCITURO*

Cosa mi aspetta quando sarò anche io tra voi?
Chi saranno i miei genitori? Saranno belli o brutti? Alti o bassi, magri o grassi?
Quanti pensieri affollano la mia mente; vorrei essere già lì per sapere cosa mi aspetta.
Mi hanno detto che ci sono paesi in cui la gente è molto povera e non ha nemmeno da mangiare neanche per i figli. Altri paesi invece sono ricchissimi e comprano tanti giochi ai loro figli, possono avere qualunque cosa ma per guadagnare tutti questi soldi, hanno bisogno di essere aiutati in casa e prendono anche una tata per tener loro compagnia. Ma chi la conosce questa, io non voglio una persona che non conosco e che non saprebbe darmi il calore di cui ho bisogno; voglio vedere intorno a me il sorriso di chi mi vuole bene.
Già i miei genitori, saranno allegri o tristi, si vorranno bene e andranno d’accordo oppure litigheranno perchè non si amano più, non posso sopportare l’odio ed il rancore; ho un po’ paura, ma ormai non posso farci niente, sono in ballo e devo ballare.
A me non interessa se non potrò mangiare i cibi più buoni o avere i giocattoli più belli, voglio solo intorno a me due genitori che mi facciano vivere serenamente, che mi aiutino a crescere insegnandomi a rispettare chi mi sta vicino e ad essere rispettato; che mi insegnino i veri valori della vita non influenzati da distinzione di razza, credo religioso o di sesso della persona. Già il sesso, che me ne frega se invece di un papà ed una mamma avrò come genitori due persone dello stesso sesso. Loro mi vogliono bene ed io ne voglio a loro; è solo di questo che ho bisogno: AMORE.

13 NOVEMBRE 2022 Enrico Masucci

* Ho inserito questo articolo in questa sezione perchè per aprire la mente su certi problemi, occorre molta cultura

Aggiungi un commento

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto