Pnrr

Pardon gli “euri”. Dopo l’approvazione del governo finlandese della decisione sulle disposizioni delle risorse proprie, si avvicina il momento dell’erogazione; mancano all’appello i soliti “sabotatori” Austria, Polonia, Olanda, Romania e Ungheria sollecitati a farlo entro questo mese.

Dei 750 mld previsti per gli aiuti ai paesi aderenti alla UE l’Italia è quella che farà la parte del leone considerando che riceverà circa 210 mld, di cui 69,5 a fondo perduto, ed al secondo posto troviamo la Spagna che riceverà un importo totale pari a quello ottenuto dal nostro paese a fondo perduto.

Decorsa la prassi burocratica, si passerà ai fatti, ma quali e come?

Il nostro piano di ripresa e resilienza (da notare che il termine resilienza, molto in voga attualmente, fu riesumato circa 4 anni fa da un allenatore di calcio e poi dicono che i calciatori sono ignoranti) prevede l’attuazione di 6 programmi (missioni):

Digitalizzazione, innovazione, competitività e Cultura

Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica;

Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile;

Istruzione e Ricerca;

Inclusione e Coesione;

Salute

Non vi annoierò con la specifica, per chi ne avesse voglia allego il piano approvato dal parlamento: https://www.governo.it/sites/governo.it/files/PNRR.pdf.

In questa sede mi limiterò a qualche riflessione; la prima è quella di chiedermi come faranno a blindare l’utilizzo dei fondi dall’attacco degli “squali”, dai politici alle organizzazioni criminali per finire agli incapaci. La seconda è quella di prevedere una rieducazione alla professionalità nel lavoro; come qualcuno avrà letto, ultimamente mi sono imbattuto in improvvisatori dilettanti incapaci di applicare il minimo sindacale nella accuratezza del proprio lavoro: sarà bene tenere in considerazione questo aspetto.

In conclusione, l’occasione è ambiziosa ed è irripetibile, non lasciamola scappare.

Probabilmente ritornerò sull’argomento

Aggiungi un commento

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto