Referendum – Vincitori e Vinti

Non sono un politologo, ma solo un presuntuoso testardo sostenitore del principio che bisogna ragionare con la propria testa. Così, dopo aver letto i risultati elettorali ed aver ripercorso mentalmente le vicende legate al referendum ho cercato di trarne le conclusioni (fanta) politiche e mi sono fatto un’idea.

I politici sostenevano, timidamente, sottovoce e purchè non si sapesse in giro, il SI per cui non potevano smentirsi; di questo compito ne hanno fatto carico ai giornalisti che con la grancassa hanno invitato l’elettorato a votare NO, salvo Travaglio che quando era al “Fatto quotidiano” sosteneva a gran voce i grillini come se ne fosse l’addetto stampa.

Visto il risultato, i bocciati sono stati in primis proprio i giornalisti di cui ben pochi, lo si capisce, hanno fiducia.

Come ricorderete, ho fatto un appello augurandomi che la partecipazione al voto fosse consistente, almeno il 75% (utopistico da parte mia), perché quello avrebbe determinato la sconfitta della classe politica; l’affluenza è stata del 53,8% per cui possiamo dire che c’è stato un pareggio di cui tutti si dicono vincitori: il movimento 5s che però è sprofondato nei risultati delle amministrative per cui ne esce sconfitto; Salvini a cui dovrebbe far più male il risultato di Zaia che non la perdita dei voti della lega; la Meloni che ha visto perdere il suo candidato Fitto; Zingaretti che agendo con la leggerezza sottile di un tampax si è visto dichiarare trionfatore senza che nessuno ne avvertisse la presenza (di Zingaretti).

Una nota positiva però c’è, sia Zingaretti che Di Maio hanno dichiarato, subito dopo il voto, che il risultato conseguito è il punto di partenza per dare il via alla riforma elettorale. E’ già qualcosa anche se tremo al pensiero che a metterci le mani saranno  guitti della politica.

Non spaventatevi, ho premesso che io faccio fantapolitica…… forse.

Aggiungi un commento

By emasucci

emasucci

Stiamo in contatto

Buona giornata a tutti voi,
Ho creato questo blog per far sì che ognuno di noi possa esprimere le proprie opinioni liberamente, senza condizionamento alcuno, per favorire quella riflessione che ci porti a ragionare con la nostra testa. Se riusciremo ad estrapolare i fatti dalle campagne di persuasione dei media e trarremo le nostre conclusioni in merito, saremo più liberi ed assorbiremo meno passivamente le tesi che il “potere” vorrebbe imporci.
Il primo segnale che ho avuto nel voler suggerire questa ispirazione di vita, che naturalmente dà fastidio a chi vorrebbe che si aderisse in modo inerte alle loro idee, me lo ha dato facebook che ha disattivato il mio account dove segnalavo unicamente l’uscita di un articolo per invitare gli utenti a leggerlo.
L’esortazione che vi faccio è quella di partecipare, se vorrete inviare un commento od un articolo, su qualunque argomento riteniate opportuno, lo pubblicherò. Unica condizione è il rispetto degli altri, per cui evitate offese, turpiloquio o pornografia.
Per proteggere questa libertà, il blog non accetterà pubblicità o finanziamenti da parte di terzi. Se vorrete chiarimenti, potete chiederli compilando il modulo che troverete nella sezione contatti del sito.
Con l’auspicio di leggervi presto, vi do il mio sentito benvenuto